Richiedi un suggerimento

Lista di vini di Fattoria di Bacchereto

Fattoria di Bacchereto, nasce sulle dolci colline toscane del Montalbano, a pochi chilometri da Carmignano. La tenuta ha origini nel XV secolo con la famiglia de' Medici. Dal 1925 l'Azienda diventa proprietà della famiglia Bencini Tesi e la svolta avviene negli anni ‘60 con una produzione di olio e vino. Oggi le redini sono passate a Rossella Bencini Tesi che dal 2002 inizia a praticare la biodinamica rivoluzionando il sistema agricolo che l’ha preceduta. La tenuta si espande su 167 ettari, posti ad un'altitudine compresa fra i 200 e i 500 metri sul livello del mare, che comprendono boschi, frutteti, castagneti, uliveti e non per ultimi vigneti, che occupano circa 8 ettari. Qui si trovano viti di Trebbiano, Sangiovese, Canaiolo nero e Cabernet Sauvignon. Su questi terreni si pratica il sovescio, zolfo e rame per le malattie e l’estirpazione di erbe infestanti esclusivamente a mano. In cantina si produce un vino ottenuto da lieviti indigeni senza alcun ausilio della chimica. Il vino viene conservato in grandi botti di legno e imbottigliato senza filtrazione alcuna. La colonna portante della tenuta è il Carmignano, vino ottenuto da un blend di Sangiovese, Canaiolo nero e Cabernet Sauvignon, che rispecchia perfettamente i principi della biodinamica ed è capace di esprimere una grande personalità. Produzione media annua 20.000 bottiglie ù



265.jpg




Fattoria di Bacchereto, nasce sulle dolci colline toscane del Montalbano, a pochi chilometri da Carmignano. La tenuta ha origini nel XV secolo con la famiglia de' Medici. Dal 1925 l'Azienda diventa proprietà della famiglia Bencini Tesi e la svolta avviene negli anni ‘60 con una produzione di olio e vino. Oggi le redini sono passate a Rossella Bencini Tesi che dal 2002 inizia a praticare la biodinamica rivoluzionando il sistema agricolo che l’ha preceduta. La tenuta si espande su 167 ettari, posti ad un'altitudine compresa fra i 200 e i 500 metri sul livello del mare, che comprendono boschi, frutteti, castagneti, uliveti e non per ultimi vigneti, che occupano circa 8 ettari. Qui si trovano viti di Trebbiano, Sangiovese, Canaiolo nero e Cabernet Sauvignon. Su questi terreni si pratica il sovescio, zolfo e rame per le malattie e l’estirpazione di erbe infestanti esclusivamente a mano. In cantina si produce un vino ottenuto da lieviti indigeni senza alcun ausilio della chimica. Il vino viene conservato in grandi botti di legno e imbottigliato senza filtrazione alcuna. La colonna portante della tenuta è il Carmignano, vino ottenuto da un blend di Sangiovese, Canaiolo nero e Cabernet Sauvignon, che rispecchia perfettamente i principi della biodinamica ed è capace di esprimere una grande personalità. Produzione media annua 20.000 bottiglie ù





1.jpg

2.jpg

3.jpg

Altro
Mostrando 1 - 6 di 6 elementi
Mostrando 1 - 6 di 6 elementi