Richiedi un suggerimento

Lista di vini di Domaine du Rousset – Peyraguey

Il Domaine Rousset-Peyraguey si trova a pochi chilometri da Bordeaux, all'interno della denominazione Sauternes. Gli antenati di Alain Dejean, attuale proprietario della tenuta Rousset-Peyraguey, posseggono terre in questa zona da oltre 7 generazioni; oggi, il Domaine si estende su 14 ettari divisi in 58 differenti parcelle e si basa, esclusivamente, su una agricoltura di tipo biodinamico. Alain infatti, a partire dai varietali tradizionalmente usati per il Sauternes, quindi sémillon, muscadelle e sauvignon, produce vini totalmente naturali, senza aggiunta di additivi, inclusi i solfiti, e senza condurre processi di filtrazione; per questa ragione, dal 2010, Alain ha abbandonato volontariamente l'uso della denominazione Sauternes sulle sue etichette, dal momento che la stessa richiede, invece, l'utilizzo di tutte queste tecniche. I vini di Alain, prodotti a seguito di vendemmie tardive, selezione manuale, in più fasi, delle uve, vinificazione non interventista e senza l'aggiunta di lieviti o enzimi, invecchiano generalmente in botti di rovere di acacia dai 4 ai 6 anni; si presentano, inoltre, profondi, segnati incredibilmente da freschezza e spessore, perfettamente in grado di competere per qualità con i più blasonati della denominazione e il fatto che siano Sauternes privi di solforosa, davvero unici quindi, li rende ben noti agli amatori e facilita la loro diffusione, oltre che in Francia, anche in molti altri paesi.



288.jpg




Il Domaine Rousset-Peyraguey si trova a pochi chilometri da Bordeaux, all'interno della denominazione Sauternes. Gli antenati di Alain Dejean, attuale proprietario della tenuta Rousset-Peyraguey, posseggono terre in questa zona da oltre 7 generazioni; oggi, il Domaine si estende su 14 ettari divisi in 58 differenti parcelle e si basa, esclusivamente, su una agricoltura di tipo biodinamico. Alain infatti, a partire dai varietali tradizionalmente usati per il Sauternes, quindi sémillon, muscadelle e sauvignon, produce vini totalmente naturali, senza aggiunta di additivi, inclusi i solfiti, e senza condurre processi di filtrazione; per questa ragione, dal 2010, Alain ha abbandonato volontariamente l'uso della denominazione Sauternes sulle sue etichette, dal momento che la stessa richiede, invece, l'utilizzo di tutte queste tecniche. I vini di Alain, prodotti a seguito di vendemmie tardive, selezione manuale, in più fasi, delle uve, vinificazione non interventista e senza l'aggiunta di lieviti o enzimi, invecchiano generalmente in botti di rovere di acacia dai 4 ai 6 anni; si presentano, inoltre, profondi, segnati incredibilmente da freschezza e spessore, perfettamente in grado di competere per qualità con i più blasonati della denominazione e il fatto che siano Sauternes privi di solforosa, davvero unici quindi, li rende ben noti agli amatori e facilita la loro diffusione, oltre che in Francia, anche in molti altri paesi.





1.jpg

2.jpg

Altro
Mostrando Showing 1 - 1 di 1 elemento
Mostrando Showing 1 - 1 di 1 elemento