Richiedi un suggerimento

Lista di vini di Stefano Milanesi

L’azienda Stefano Milanesi è posta in una micro zona molto interessante, la frazione Castello nel comune di Santa Giuletta, sulla prima fascia collinare confinante con la Liguria, circondata ad ovest nord-ovest dalle Alpi ed a sud dagli Appennini. In questa fascia di terra ben protetta dai venti gelidi, la vendemmia avviene in anticipo rispetto a tutte le altre zone della Lombardia. Il terreno è ricco in arenaria e tufo, due elementi che donano mineralità al vino, ma anche in sabbia e fossili. I vigneti su una superficie di 11 ettari, sono condotti a coltivazione biologica certificata, allevati a guyot, ad un’altitudine intorno ai 340 metri sul livello del mare, le piante hanno un’età media di 30 anni e la resa delle uve non supera il 45%. Quindi grande cura ed attenzione per l’alta qualità già nel vigneto dove non si effettua il diserbo. In cantina non vengono utilizzati lieviti selezionati ma la fermentazione è operata dai lieviti indigeni presenti in natura. Non si effettuano trattamenti chiarificanti o decoloranti ai mosti e ai vini. Non si effettuano acidificazioni ne disacidazioni, per questo è importantissimo che le varie uve vengano raccolte nei giorni più idonei a garantire la tipologia di vino che si vuole ottenere. Le vigne o “bambine” di Stefano sono sanissime e con le sue cure producono uve eccezionali, frutto anche di un territorio unico. Non hanno bisogno di correzioni in quanto sono educate bene, amate e rispettate. Nascono cosi i vini di Stefano Milanesi un vignaiolo eccentrico ed esuberante, una persona sempre pronta ad accoglierti in cantina con una sciabola in mano per aprire le sue bottiglie cantando una canzone. Un vigniolo che mette allegria proprio come i suoi vini. Produzione media annua 15.000 bt

155.jpg

L’azienda Stefano Milanesi è posta in una micro zona molto interessante, la frazione Castello nel comune di Santa Giuletta, sulla prima fascia collinare confinante con la Liguria, circondata ad ovest nord-ovest dalle Alpi ed a sud dagli Appennini. In questa fascia di terra ben protetta dai venti gelidi, la vendemmia avviene in anticipo rispetto a tutte le altre zone della Lombardia. Il terreno è ricco in arenaria e tufo, due elementi che donano mineralità al vino, ma anche in sabbia e fossili. I vigneti su una superficie di 11 ettari, sono condotti a coltivazione biologica certificata, allevati a guyot, ad un’altitudine intorno ai 340 metri sul livello del mare, le piante hanno un’età media di 30 anni e la resa delle uve non supera il 45%. Quindi grande cura ed attenzione per l’alta qualità già nel vigneto dove non si effettua il diserbo. In cantina non vengono utilizzati lieviti selezionati ma la fermentazione è operata dai lieviti indigeni presenti in natura. Non si effettuano trattamenti chiarificanti o decoloranti ai mosti e ai vini. Non si effettuano acidificazioni ne disacidazioni, per questo è importantissimo che le varie uve vengano raccolte nei giorni più idonei a garantire la tipologia di vino che si vuole ottenere. Le vigne o “bambine” di Stefano sono sanissime e con le sue cure producono uve eccezionali, frutto anche di un territorio unico.
Non hanno bisogno di correzioni in quanto sono educate bene, amate e rispettate. Nascono cosi i vini di Stefano Milanesi un vignaiolo eccentrico ed esuberante, una persona sempre pronta ad accoglierti in cantina con una sciabola in mano per aprire le sue bottiglie cantando una canzone. Un vigniolo che mette allegria proprio come i suoi vini. Produzione media annua 15.000 bt

images (1).jpg
stefano-milanesi-in-vigna-home-300x175.j
images.jpg
Altro
Mostrando 1 - 12 di 12 elementi
Mostrando 1 - 12 di 12 elementi