Richiedi un suggerimento

Lista di vini di Castello di Verduno

La storia del Castello di Verduno è molto antica e parte dall'acquisizione del Castello da parte di Re Carlo Alberto di Savoia e dal Generale Staglieno, uomo d’armi ed enologo esperto che operò su incarico del Re per ottenere dai migliori vigneti ad uve Nebbiolo un grande vino: il Barolo del Castello di Verduno. La famiglia Burlotto, divenuta proprietaria del Castello all’inizio del ‘900, ha continuato la tradizione produttiva dei Savoia e oggi, il matrimonio tra Gabriella Burlotto, proprietaria di questo storico castello, e Franco Bianco, produttore di Barbaresco, ha portato all’attuale assetto della cantina. Franco Bianco si occupa del lavoro in vigna con attenzione alla sostenibilità, affiancato dal valido enologo Mario Andrion e dagli altri membri della famiglia. I vini prodotti nel Castello di Verduno sono espressione di questa antica storia ma soprattutto di una vinificazione tradizionale con lunghi affinamenti in grandi botti di rovere e con notevole predisposizione all’invecchiamento. Si tratta di grandissimi vini rossi piemontesi, nati dal meraviglioso connubio fra tradizione, approccio naturale e grande competenza.

248.jpg

La storia del Castello di Verduno è molto antica e parte dall'acquisizione del Castello da parte di Re Carlo Alberto di Savoia e dal Generale Staglieno, uomo d’armi ed enologo esperto che operò su incarico del Re per ottenere dai migliori vigneti ad uve Nebbiolo un grande vino: il Barolo del Castello di Verduno. La famiglia Burlotto, divenuta proprietaria del Castello all’inizio del ‘900, ha continuato la tradizione produttiva dei Savoia e oggi, il matrimonio tra Gabriella Burlotto, proprietaria di questo storico castello, e Franco Bianco, produttore di Barbaresco, ha portato all’attuale assetto della cantina. Franco Bianco si occupa del lavoro in vigna con attenzione alla sostenibilità, affiancato dal valido enologo Mario Andrion e dagli altri membri della famiglia. I vini prodotti nel Castello di Verduno sono espressione di questa antica storia ma soprattutto di una vinificazione tradizionale con lunghi affinamenti in grandi botti di rovere e con notevole predisposizione all’invecchiamento. Si tratta di grandissimi vini rossi piemontesi, nati dal meraviglioso connubio fra tradizione, approccio naturale e grande competenza.

download (1).jpg
download.jpg
Altro
Mostrando 1 - 2 di 2 elementi
Mostrando 1 - 2 di 2 elementi